BENOIR ROSENBERGER

Da un minuscolo seminterrato nel villaggio di Saint-Maurice-ès-Allier in Alvernia, Benoit Rosenberger si è fatto un nome come uno da guardare in questa regione più emozionante.

Nato a Sancerre, Benoit ha lavorato come programmatore di computer e in una grande casa di Champagne, un'esperienza che lo ha lasciato disincantato dal vino.  Tuttavia, un trasferimento in Alvernia e incontri casuali con vigneron locali come il buon amico Frédéric Gounan lo hanno convinto a ricominciare da capo, questa volta facendo le cose a modo suo, l'unico modo che gli sembrava giusto.
Coltiva solo tre ettari di Gamay d'Auvergne da vigneti di 50-80 anni divisi in piccoli appezzamenti su dolci colline a circa 350-500 metri sul livello del mare.  Le viti sono curate a mano e Benoit evita l'uso di prodotti chimici, utilizzando tè e infusi come tarassaco, ortica e pino per prendersi cura delle piante.  Il terreno è prevalentemente basalto, che insieme alla sabbia vulcanica e al granito, rende i vini agili e fragranti che brillano di minerali.
In cantina, Benoit è intransigente nel suo approccio.  Non ci sono aggiunte in nessuna fase ed i vini vengono imbottigliati solo dopo un adeguato élevage, cosa che ritiene fondamentale quando si producono vini in questo modo.